News

La partita… Il giorno dopo

ROCCELLA-PALERMO 0-2 – Cronaca di una partita “non vista

Questa sera non parlerò granché della partita anche perché non sono abituato a parlare di ciò che non ho visto e che ho solo sentito raccontare pur se in maniera straordinaria dall’amico Massimo Pisciotta.

Questa sera me ne sto lì, buono buono, zitto zitto, a rimirarmi il nostro bel primo posto. Si, anche se siamo solo alla terza giornata. Anche se forse qualcuno storce il naso per qualche motivo. Anche se siamo solo in serie D e in tanti, con la puzza sotto al naso, non perdono occasione per ricordarcelo.

Si è vero: siamo in serie D. Ma, sinceramente, me ne strafrego e mi godo la soddisfazione di essere già lassù. Di avere già vinto le prime tre partite. Di essere rappresentato da un gruppo di ragazzini terribili ben guidati da qualche “anzianotto” di categoria superiore e di sapere già che molti tra questi diverranno presto qualcuno.

Il Presidente Mirri tra i tifosi.

Mi godo il mio Presidente Dario Mirri.

Che ci mette tutta la sua passione, che tifa come e più di me, che guarda lontano e non solo le proprie tasche.

Anche oggi sembra che la partita non sia stata affatto semplice. Anche oggi l’abbiamo vinta calandoci nella partita stessa a costo di rischiare di apparire meno belli, calandoci nella categoria e soffrendo come si sa che si deve soffrire in serie D.

Andiamo avanti, partita dopo partita, insieme a quelli  dell’Acireale, gli unici a riuscire ancora a tenerci testa. In attesa di decollare. Da soli.
Come loro, si. Perché noi siamo proprio come loro: come le aquile.

Ivan Trigona

Fonte foto: www.uk24.co

Visite: 218