Tutti per uno. Uno per tutti.

Ultimo atto di una stagione a dir poco “travagliata”. Ultimi novanta minuti di passione, al termine dei quali sapremo chi avrà avuto ragione.

ZampariniSarà forse il Presidente Zamparini, convinto di aver allestito una squadra da medio-alta classifica, ma vituperata dalla sfortuna, dalle scelte arbitrali, e dalla sua schizofrenica gestione, o ancora sostenuta dalla sua “grande” fortuna?

Curva NordSaranno forse i tifosi stremati dalle continue scosse assestate da un Presidente stanco, nella mente ancor più che nel corpo, non pago di aver contribuito al dissesto del rapporto tra tifosi e squadra e che ha, a suo modo, minato la stabilità di un gruppo che con tutti i suoi limiti tecnici è stato sballottato da un allenatore a un altro come un budino pensando di avere in mano una solida torta in pasta di zucchero?

sorrentinoSaranno forse Sorrentino & C. che, pur avendo profuso il massimo sforzo come singoli e come gruppo hanno partecipato a questa rappresentazione teatrale di scarsa qualità e si sono appellati alle loro personali “doti morali” o per usare un termine ormai inflazionato, hanno dimostrato di avere le palle?

Lo scopriremo al triplice fischio di domenica sera, 14 maggio giorno di Pentecoste, e mai giornata fu più appropriata. I cattolici cristiani festeggiano la “Pentecoste” cinquanta giorni dopo la Pasqua e celebrano l’effusione dello Spirito Santo, dono del Cristo Risorto, e la nascita della Chiesa. Ebbene, volendo traslare la coincidenza alle sorti rosanero, domenica sera sapremo se lo sforzo profuso (Spirito Santo) che ci ha permesso di guadagnare otto punti in quattro partite (Dono) ci porterà a risorgere da questa situazione  e rimanere in Serie A (la Chiesa). Per tutto ciò, forse verrò considerato blasfemo, ma poco importa, la situazione in ogni caso è questa.

Ma giunti a questo punto, tocca a noi tifosirosanero. Dopo esserci lamentati per tutta una stagione, abbiamo l’occasione di riscattarci e superando ogni cosa, lasciando da parte i propri rancori nei confronti di società e squadra (e sistema calcio) riempiamo il Barbera, come non mai in questa stagione.

La partita in programma domenica sera è l’ultima occasione per dire che  NOI ci siamo, che NOI teniamo a questa maglia e ancor più vogliamo mantenere la categoria.

MoschettieriBasta con le guerre intestine tra gruppi organizzati, come per i Moschettieri di Dumas, domenica sera dovrà sentirsi una sola voce :

“TUTTI PER UNO E UNO PER TUTTI”.

Forza Palermo Sempre

Gigione

Visite: 2190